Cronaca di 2 giorni al Fuorisalone


La settimana del design è giunta al termine e un’altra nuovissima settimana è cominciata.

Quest’anno gli eventi sono stati davvero tantissimi, quasi in ogni luogo di Milano e uno più bello dell’altro… scegliere e trovare il tempo di andare a vedere quello che mi ero prefissata è stata davvero dura e il risultato è stato un po’ di febbre ieri 😉

Ma non importa, cosa non si fa per seguire le passioni….

Design Week is over and another new week has begun.

This year the events were really a lot, almost everywhere in Milan and one better than the other … choose and find the time to go and see what I set for myself was really hard and the result was a little fever yesterday 😉

But no matter, what do we do to follow our passions ….

Ecco quindi un breve riassunto delle mie tappe:

Here we are with a quick resume of my steps:

– ZONA SANT’AMBROGIO / SANT’AMBROGIO ZONE

materiale_1

La prima tappa è stata in via S.Vittore 49, nel cortile dell’ex convento.

Tante stupende ape car, tirate a lucido per l’occasione: cibo da strada proveniente da tutta Italia, un sacco di goloserie che meritavano di essere assaggiate.

All’interno, la mostra DO UT DESIGN con tanti pezzi autoprodotti da giovani designer, all’insegna del design sostenibile.

I pezzi più belli sono stati la living boutique di Pich Tripasai e la bici in bambù.

The first stop was in via San Vittore 49, in the courtyard of the former convent.

So many beautiful ape car, polished for the occasion: street food from all over Italy, a lot of gluttony who deserved to be tasted.

Inside, the exhibition DO UT DESIGN with so many self-produced pieces by young designers, dedicated to sustainable design.

The most beautiful pieces were the living boutique by Pich Tripasai and bamboo bike.

2- ZONA BRERA / BRERA ZONE 

Ed eccoci arrivati nel cuore del Fuorisalone: showroom aperti in ogni angolo, esposizioni ed eventi in ogni momento della giornata ma sopratutto tanti cortili e angoli di Milano aperti e assolutamente da vedere.

Le tappe sono state lo showroom di Boffi in via Solferino, con la nuova collezione di bagni e cucine come sempre raffinate, ricercate ed eleganti.

A seguire lo showroom di Agape, che con forme morbide e organiche ci introduce le novità dell’arredo bagno.

All’interno una piacevole scoperta con la collezione di Manifesto design: pezzi d’arredo Made in Italy prodotti con materiali naturali.

And here we are in the heart of the Fuorisalone: showrooms open in every corner, exhibitions and events at any time of the day but especially so many courtyards and special places of Milan to see.

The stages were Boffi showroom in via Solferino, with its new collection of bathroom and kitchens as always refined and elegant.

Following the showroom of Agape, which with its soft and organic forms introduces us to the news of bathroom.

Bellissimo il cortile interno dell’università di Brera, con l’orto botanico: un angolo di paradiso in centro a Milano tutto coltivato con fiori di ogni tipo e tutte le specie vegetali e arboree possibili.

Ad accogliervi, un maestoso glicine che ci da già il senso di tutto l’evento.

Beautiful the interior courtyard of the University of Brera, with the botanical garden: a slice of heaven in downtown Milan all cultivated with flowers of all kinds and all species of plants and trees as possible.

To welcome us, a majestic wisteria that gives us the sense of the whole event.

3- SALONE DEL MOBILE 

Ovviamente non poteva mancare una capatina alla fiera: come sempre i grandi nomi hanno fatto degli stand bellissimi, ad esempio Kartell (che in occasione della fiera ha riaperto anche il museo a Noviglio) e Vitra.

Ma non sono questi nomi quelli che mi hanno colpito, bensì le piccole imprese con piccoli ma adorabili stand e prodotti: lo stand coloratissimo di very wood, i prodotti da esterni tutti fatti a mano di SIKA DESIGN e la parete tutta decorata con la sedia Livia di Gio Ponti dell’azienda L’ABBATE.

Obviously could not miss a trip to the fair: as always the big names have made beautiful stands , such as Kartell (which at the fair has also reopened their museum in Noviglio) and Vitra.

But these names are not the ones that impressed me, but small businesses with small but adorable stand and products: the colorful stand of very wood, exterior products all handmade of SIKA DESIGN and the wall all decorated with the chair Livia by Gio Ponti from company L’ABBATE.

Tanti spunti, tante idee più o meno nuove e un vago senso di ispirazione anni ’70: insomma, molto con cui sognare e rifarsi gli occhi, almeno per una settimana 🙂

So many ideas new or not so new and a vague sense of 70s inspiration: in short, a lot with which to dream, at least for a week 🙂

Pronto a diventare un esperto dell'interior design?
Rispettiamo la tua privacy.


  • Cix79 // // Rispondi

    La fiera è stata decisamente interessante, ma io sono andato solo in zona Tortona.. e ci ho passato 5 ore buone!
    Se ci si organizzava magari si faceva un tour tra blogger 🙂
    Se vuoi vedere qualche foto che ho fatto ne ho postate un po’ sul mio blog!

    • vatitti // // Rispondi

      Caspita l’unico che anno che non vado in Tortona… effettivamente avremmo potuto organizzare, sai che ridere 😉
      Ora vado a vedere le foto allora, visto che non ho visto ancora nulla di quella zona 🙂

Lascia un Commento