Salone del Mobile 2017: gli appuntamenti che non potete assolutamente perdere


Manca un mese al Salone del Mobile 2017: è ora di preparare l’agenda con gli appuntamenti più belli e organizzare la settimana, per non arrivare impreparati!

English version >> http://bit.ly/2lVe8gx

……….

Ci siamo: tra un mese e qualche giorno comincerà il Salone del Mobile 2017. Tutti gli anni mi dico che devo prepararmi per tempo, farmi la scaletta dei #mustsee e invece niente.

Arrivo sempre all’ultimo, con un elenco improbabile di cose che vorrei vedere, ma per cui servirebbe un mese. E invece io avrò più o meno una giornata per farmi un’idea.

Quest’anno ho deciso di provarci e di giocare d’anticipo. Volete cominciare a dare un’occhiata alle novità del Salone di quest’anno?

SALONE DEL MOBILE 2017: EUROLUCE, WORKSPACE 3.0 E SALONE SATELLITE

Lo slogan della 56° edizione del Salone è questa:

Il design è uno stato a sé. E Milano è la sua capitale. @iSaloniofficial Condividi il Tweet

Direi che è uno slogan che dichiara ampiamente quali siano gli obiettivi di questo nuovo appuntamento col design internazionale. Mantenere saldo il ruolo riconosciuto a livello mondiale di Milano come capitale del design. Centro focale mondiale, nella settimana dal 4 al 9 aprile, Milano sarà vetrina di quanto più bello, innovativo e originale esiste nel campo arredo, design e architettura.

In fiera quest’anno saranno presenti la 2° edizione di xLux (padiglioni 2 – 4), dedicato al classico riletto in chiave contemporanea e proiettato verso il futuro.

La commistione col teatro, la riproposizione di una stanza Before Design: Classic, insieme al corto di Matteo Garrone (di cui parleremo tra poco) accompagneranno i visitatori alla riscoperta di questo settore.

Quest’anno è il turno della biennale Euroluce, dedicato al meglio del mercato in campo illuminazione. Si va dai prodotti decorativi, a quelli illuminotecnici, passando per i software per le tecnologie della luce. Tutto sempre con un occhio al risparmio energetico, alla sostenibilità ambientale e all’inquinamento luminoso. 

Salone del Mobile 2017

Courtesy Salone del Mobile.Milano

Presenti anche Workspace 3.0, dedicato alla progettazione degli spazi di lavoro in continuo cambiamento, in questa società 2.0.

Design, tecnologia e innovazione riusciranno a dare risposte all’altezza di questo scenario in continua evoluzione?

Immancabile il Salone Satellite, che festeggia i suoi primi 20 anni; saranno festeggiati con una speciale collezione SaloneSatellite 20 anni, che raccoglie pezzi disegnati ad hoc da designer internazionali, la cui carriera è partita proprio da qui.

Presso la Fabbrica del Vapore invece, ci sarà la mostra curata da Beppe Finessi, SALONESATELLITE. 20 anni di nuova creatività. In mostra un’antologia di prototipi presentati durante i 20 anni del salone, entrati poi in mercato, insieme a cataloghi di grandi aziende.

DeLightFul E A JOYFUL SENSE AT WORK

Unitamente alla fiera, saranno proposti due eventi collaterali, dedicati alla luce e al lavoro (temi delle biennali): DeLightFul e A Joyful Sense at Work.

Il primo evento è curato da Ciarmoli Queda Studio, un percorso sensoriale e visivo che riflette sul nuovo modo di abitare delle nuove generazioni (gli under 36, i Millennials). Una generation “on the move” che vive bene a Milano come a New York; che ha bisogno di case flessibili e temporanee, trasformabili in base alle esigenze.

In questo mix tra nuovi modi di vivere e classici dell’abitare quotidiano, si insinua DeLightFul (Design, Light, Future, Living): tecnologia, design e luce tracciano il ritratto dell’abitare contemporaneo e dei suoi spazi.

Ad accompagnare l’evento, un corto diretto da Matteo Garrone, girato nei boschi di Chia. Mobili e pezzi di design in mezzo alla natura, per ristabilire un legame tra persone ed ambiente naturale.

Salone del Mobile 2017

Courtesy Salone del Mobile.Milano

Salone del Mobile 2017

Courtesy Salone del Mobile.Milano

A Joyful Sense at Work è ideato e progettato da Cristina Cutrona,  mette in scena una nuova idea di luogo di lavoro. In una piazza virtuale 4 aree di lavoro: l’area di concentrazione, di condivisione, della creatività e un tessuto poroso e di filtro tra pubblico e privato.

4 studi di architettura di fama internazionale, creeranno delle installazioni nell’installazione, dando la loro propria visione degli spazi di lavoro. (Studio O+A di Primo Orpilla e Verda Alexander (Stati Uniti), Ahmadi Studio (Iran), UNStudio di Ben van Berkel e di SCAPE di Jeff Povlo (Olanda) e Studio 5+1AA di Alfonso Femia e Gianluca Peluffo).

Salone del Mobile 2017

Courtesy Salone del Mobile.Milano

Pronto a diventare un esperto dell'interior design?
Rispettiamo la tua privacy.

2 Commenti


  • carta da parati // // Rispondi

    Adoro il Salone del Mobile, è un evento che ti riempie la mente di idee creative. Personalmente non vedevo l’ora di tornare a casa così da sperimentare qualche concetto nei miei progetti.

    Avrò un debole per il made in Italy, però devo dire che quest’anno i nostri artigiani hanno portato dei pezzi davvero belli

    • vatitti // // Rispondi

      Condivido in pieno! Il Salone è un evento fantastico, davvero colmo di ispirazione.

Lascia un Commento