Bed One Block: un ostello, poco spazio e gran design


Ultimo aggiornamento

Voglio farvi cambiare idea sugli ostelli, perché noi italiani siamo duri da convincere del contrario, quando abbiamo le nostre idee. Vi parlo del Bed One Block Hostel a Bangok. Fatte le valigie?

English version >> http://bit.ly/2qtadHY

………..

Qualche settimana fa vi ho portato a Valencia, alla scoperta del Valencia Lounge Hostel (niente ansia, qui il link al post). Perché davvero è tempo che noi italiani ci scrostiamo di dosso le nostre idee vecchie e stantie: gli ostelli in giro per il mondo (ma anche qui da noi) sono una figata.

Dovete smetterla di pensare che ostello = sporcizia, perché non è più così. Ormai ostello è sinonimo di prezzi bassi, progetti di interni innovativi e socialità. Ad essere sincera, mi è capitato di andare in alberghi di gran lunga più scarsi di quelli delle foto che vi faccio vedere.

Se ancora non siete convinti, allora facciamo le valigie e andiamo a Bangok.

BED ONE BLOCK HOSTEL: POCO SPAZIO, TANTA CREATIVITÀ

Siamo a Bangok come vi dicevo, in un lotto piccolissimo: in un’area di 4 mt di larghezza per 16 mt di profondità sorgerà l’ostello Bed One Block. Il nome stesso richiama la forma dell’edificio, un blocco unico appunto.

Lo spazio è poco, ma le richieste sono le stesse di un progetto con i metri quadrati standard, niente sconti. Gli architetti dello studio A Millimetre devono trovare il modo di farci stare quanti più posti letto possibile, tutte le comodità di una struttura ricettiva e un buon equilibrio tra pubblico e privato.

Impossibile direte voi. E qui viene il bello. Una zona comune è stata progettata sulle scale che collegano il piano terra col mezzanino: un luogo in cui riposarsi ma anche ritrovarsi per lavorare.

Bed One Block

P.: Jirayu Rattanawong

Bed One Block

Image author: Jirayu Rattanawong

Bed One Block

Photo: Jirayu Rattanawong

Bed One Block

Ph.: Jirayu Rattanawong

Bed One Block

Photographer: Jirayu Rattanawong

Oltre a questa zona comune, in tutti dormitori c’è una piccola zona relax dove fermarsi, chiacchierare o sistemare i bagagli. Il contrasto tra rovere naturale e toni del bianco, grigio e nero rende l’ostello moderno ed accogliente.

Lo stile è minimale ma contemporaneo, al passo coi tempi.

La facciata è progettata per rispondere a diverse esigenze; da una parte serviva uno schermo alle apparecchiature tecniche, come i condizionatori. Dall’altro però doveva attirare l’attenzione ed essere l’anima del progetto già dall’esterno.

Gli architetti hanno quindi pensato a lastre d’acciaio perforate con fori di diversi diametri, che creano un pattern leggero ma distintivo. In questo modo la struttura rimane protetta dai curiosi, permettendo a luce e aria di entrare.

Ecco l’obiettivo del Bed One Block Hostel: un buon servizio e un gran progetto di design per accogliere i turisti.

Bed One Block

 A MILLIMETRE | Photographer: Jirayu Rattanawong

Bed One Blcok

Studio: A MILLIMETRE | Photographer: Jirayu Rattanawong

Bed One Block

Architecte: A MILLIMETRE | Photographer: Jirayu Rattanawong

Bed One Block

Proj.: A MILLIMETRE | Photographer: Jirayu Rattanawong

 

Pronto a diventare un esperto dell'interior design?
Rispettiamo la tua privacy.

Lascia un Commento