Decorare le pareti delle camerette: #5 soluzioni creative e fai-da-te


Concludiamo il mese dedicato ai bimbi con alcune idee semplici ma d’effetto, per decorare le pareti delle loro camerette.

……….

E anche il mese di Settembre (grazie a Dio) sta per finire. Come ho letto da qualche parte, ma non ricordo dove, Settembre è il lunedì dell’anno. Mai paragone più azzeccato per descrivere questo mese che porta con sé una lunghezza (sia reale che percepita) disarmante. Sembra che sia un mese fatto da 60 giorni.

Ma se noi adulti lo percepiamo così brutto come mese, chissà i piccoli di casa: ve lo ricordate voi il pensiero di dover tornare a scuola? Un incubo. Finiti i giorni di gioco e cazzeggio, si ritornava al tristissimo ritmo di tutti i giorni.

Perché non cercare allora qualche idea fuori dal coro, per le camerette dei più piccoli? Ambienti fatti su misura per loro e le loro esigenze sicuramente li aiuta a vivere con più leggerezza i doveri di tutti i giorni.

Pensate ad elemento delle camerette che di solito è indifferente: le pareti. Vi va di trovare qualche idea carina e originale per le nostre camerette?

DALLE PARETI LAVAGNA ALLE PARETI CON GLI STENCIL

Esatto, come leggete dal titolo non bisogna svenarsi con l’imbianchino o il pittore, per farsi disegnare una navicella spaziale sul muro. No, le idee che vi faccio vedere sono ad un entry level da principiante, per cui con un po’ di buona volontà potreste fare tutto da soli.

Cominciamo con la tanto di moda pittura lavagna: questo tipo di pittura è l’alleata più grande, se avete bimbi che vanno alle elementari (in realtà è utile a tutte le età). Pensateci bene: dopo 1 minuto che avete pitturato, uno dei vostri diavoletti arriva con un pennarello e via. Lo sbreco è fatto. Hai voglia ad arrabbiarsi e urlare, sono piccoli ed è il loro mestiere essere casinisti.

Di solito sono la zona dietro il letto e dietro alla scrivania a soffrire di più, quindi perché non fate queste due zone con la pittura lavagna? Li aiuterete a definire le zone della stanza e vi aiuterete a non dover pulire i muri ogni 3 secondi.

pareti

Photo credit: Maison du Monde

pareti

Image courtesy: Maison du Monde

pareti

Maison du Monde

La combo nero + lavagna non vi convince? Allora rimaniamo sulle vernici lavabili classiche, ma diamogli un twist. Se vi ricordate del post di qualche settimana fa sui colori adatti ai bambini (qui il link),  anche in base all’età dei bimbi e alla quantità di arredi che avete, potete osare l’accostamento di un colore neutro con uno saturo.

Ad esempio bianco e giallo, suddividendo in zone di attività la stanza, grazie all’uso dei colori. La zona gioco a righe bianche e gialle;  nella zona studio un colore neutro come il bianco per favorire la concentrazione. La zona riposo magari divisa in due fasce orizzontali (ad altezza degli occhi del bimbo).

Preferite una soluzione meno coraggiosa? Allora sempre due fasce orizzontali, dove quella inferiore sia in tinta unita (magari un grigio chiaro) e la parte superiore decorata con una carta da parati dai motivi tenui o da uno stencil.

Tutti i grandi sono stati bambini una volta. (Ma pochi di essi se ne ricordano). - A.Saint-Exupéry Condividi il Tweet

PER FINIRE: STICKERS E FANTASIA

Che ne dite di usare lo scotch carta e la vernice lavabile per creare dei semplici disegni stilizzati a parete? Perché non delle montagne? Semplici da realizzare, anche per chi non ha assolutamente abilità artistiche, vi aiuteranno a trasformare la stanza in poche mosse.

pareti pareti

E se ancora vi sembra che le soluzioni proposte sopra siano troppo complicate o costose, allora ecco il trucco dell’ultimo minuto: gli stickers o i washi tape. Questi sono super economici, sono stacca-attacca e vi permettono di cambiare idea quante volte volete.

Di stickers è pieno il web (ma anche i negozi di arredo) e potete davvero scegliere il disegno che preferite. Se invece volete creare voi un disegno, allora i washi tape fanno per voi. Di tutti i colori e di tutte le fantasie, si prestano ad ogni stile ed età.

Non vi resta che scegliere e procedere con Art Attack.

 

 

Lascia un Commento