• Industriale chic, per un appartamento in cima a Chicago


    Look un po’ industriale chic per questo appartamento in cima ad uno dei grattacieli storici di Chicago. Il posto perfetto dove godersi un po’ di relax, dopo una lunga giornata.

    English version >> http://bit.ly/2n7kR4G (altro…)

  • Una metropolitana di rovere in cui vivere


    Se vi dicessi metropolitana, riuscireste ad abbinare questa parola ad una casa?

    Il collegamento mentale e creativo è sicuramente improbabile, dati gli assenti punti comuni tra i due elementi, eppure l’architetto Peter Kostelov è riuscito a trasmigrare alcuni concetti chiave del mezzo di trasporto in un appartamento di 111 m².

    Un ambiente con poca luce, con molti muri e tanti limiti: da questo punto di partenza Peter realizza un progetto a dir poco originale. Le pareti vengono abbattute e sostituite con pareti e mobili su misura che cuciono lo spazio addosso a chi lo abiterà.

    (altro…)

  • Volumi ad intersezione nel cuore di Manhattan


    “Ho appena preso casa, perché non vieni a darci un occhio così mi dici che te ne pare?”

    Ditemi la verità amici arredatori e architetti d’interni: quanti milioni di volte vi siete sentiti dire questa frase, a volte anche con malcelato doppio fine?

    Capita invece nel mondo che questa frase venga detta perché c’è davvero la volontà di mettere in piedi un lavoro di ristrutturazione e questa proposizione si trasformi in un successo per tutti.

    E’ quello che Michael Pozner, capo dello sviluppo retail di American Apparel, ha proposto agli architetti dello studio interdisciplinare Jordan Parnass Digital Architecture.

    (altro…)

  • In vacanza al lago con colori fluo


    Mettete una casa di vacanza, al lago, d’estate: a cosa pensate?

    Alla classica casetta piccola e sistemata in qualche maniera dove vi sarà di sicuro capitato di alloggiare.

    Invece no: siamo sul Lago Maggiore in un appartamento di 105 mq.

    (altro…)

  • Un faro in quel di Tokyo


    Immaginate di avere a disposizione un edificio molto piccolo in larghezza, ma molto alto: 2,5 m in larghezza e 11 m in profondità.
    Sicuramente il senso di costrizione sarebbe altissimo e anche l’istinto a lasciar perder la faccenda, anche perchè in 2,5 m di larghezza cosa ci potremmo mettere?
    Invece a Tokyo, gli architetti Madoka Aihara e Toshiyuki Yamazaki dello studio YUUA Architects and Associates hanno ridato vita a questo spazio, rendendolo arioso e spazioso.

     

    Imagine to have available a building very small in width, but very high: 2.5 m in width and 11 m in depth.

    Surely the tightness would be very high and also the instinct to let lose the thing, because in 2.5 m wide which kind of things could we put?

    Instead in Tokyo, architects Madoka Aihara and Toshiyuki Yamazaki from study YUUA Architects and Associates gave new life to this space, making it airy and spacious.

    http://yuua.jp/

    http://yuua.jp/

    http://yuua.jp/

    http://yuua.jp/

    Alto e luminosissimo: questa casa brilla come una faro.
    Piani flottanti, che si intersecano tra loro e che non definiscono veramente un primo piano da un secondo.
    L’edificio è stato pensato come un’aggregazione di piccoli spazi, comunicanti gli uni con gli altri.
    In questo modo lo stretto spazio acquista respiro e d’un tratto non sembra più di essere schiacchiati in un lotto così piccolo.

     

    High and bright: this house shines like a beacon.

    Floating floors, which intersect each other and that do not truly define a first plane by a second.

    The building was conceived as an aggregation of small spaces, communicating with each other.
    In this way the tight space takes breath and suddenly no longer it seems to be the crushed in a lot so small.
    http://yuua.jp photographer SOBAJIMA Toshihiro

    http://yuua.jp
    photographer SOBAJIMA Toshihiro

    http://yuua.jp photographer SOBAJIMA Toshihiro

    http://yuua.jp
    photographer SOBAJIMA Toshihiro

    http://yuua.jp photographer SOBAJIMA Toshihiro

    http://yuua.jp
    photographer SOBAJIMA Toshihiro

    Scale come fogli tridimensionali, materiali naturali che creano un’atmosfera di accoglienza, luce e aria in abbondanza: tutto contribuisce a rendere questa casa un nido.
    In ogni angolo ci sono spazi per riporre ed esporre: guardate le mensole di fianco alla scala, minimali eppure nel posto giusto al momento giusto.
    Stairs as three-dimensional sheets, natural materials which create an atmosphere of warmth, light and air in abundance all contribute to making this house a nest.
     
    In every corner there is space to store and exhibit: look at the shelves next to the stairs, minimal yet in the right place at the right time.
    http://yuua.jp photographer SOBAJIMA Toshihiro

    http://yuua.jp
    photographer SOBAJIMA Toshihiro

    http://yuua.jp photographer SOBAJIMA Toshihiro

    http://yuua.jp
    photographer SOBAJIMA Toshihiro

    http://yuua.jp photographer SOBAJIMA Toshihiro

    http://yuua.jp
    photographer SOBAJIMA Toshihiro

    Ogni dettaglio è stato studiato attentamente: dalla struttura portante, alla circolazione naturale dell’aria alla luce.

     

    Every detail has been carefully studied: the supporting structure, the natural circulation of the light.

    La casa è dove si trova il cuore

    Home is where heart is

    http://yuua.jp

    photographer: SOBAJIMA Toshihiro

     

  • Da garage a loft industriale – From garage to industrial loft


    Siete una giovane coppia al vostro primo acquisto del nido dove coronare la vostra storia: casa dolce casa.

    Ma si sa il periodo non è dei migliori e le finanze sono quello che sono, quindi se vi capitasse un’ocasione più unica che rara, fareste come Spencer Steed e Alex Tovey?

    Volevano vivere in un posto grintoso ma speciale e nel 2013 hanno comprato questo garageSalt Lake City.

    You are a young couple to your first purchase of the nest where crown your history: home sweet home.

    But you know, the time is not the best and the finances are what they are, so if you happen a unique ocassion,would you do like Spencer Steed and Alex Tovey?

    They wanted to live in a gritty but special home and so they bought this garage in 2013 in Salt Lake City.

                              Living Room in stile Industrial di Lucy Call, Fotografi, Salt Lake City
                            Entry in stile Industrial di Lucy Call, Fotografi, Salt Lake City
                             Dining Room in stile Industrial di Lucy Call, Fotografi, Salt Lake City

    Un posto che rimarrà sempre nei loro cuori e ricordi per la particolarità del luogo stesso ma soprattutto per come lo hanno messo insieme: quello che vedete è tutto frutto della loro creatività.

    Pavimento in cemento grezzo, pareti solo stuccate e non rifinite: la camera da letto è però il posto più speciale.

    Le pareti sono in compensato, incorniciato in una cornice di acciaio e su cui trovano posto pannelli di fibra di vetro corrugato.

    A place that will always remain in their hearts and memories for the particularity of the place itself but especially for the way they put it together: what you see is all the result of their creativity.

    Raw concrete floor, walls only plastered and not finished: the bedroom, however, is the most special place.

    The walls are made of plywood, framed in a steel frame and on which are placed panels of corrugated fiberglass.

                         Industrial Hall by Salt Lake City Photographers Lucy Call

    Tutto contribuisce al look industriale della casa: in soggiorno un divano fatto apposta per la coppia è circondato da un tavolo fatto con legno di recupero, mobili che arrivano da caserme militari e lampadari del dentista.

    Di fronte al mobile porta-scarpe, due poltrone che arrivano da uno scuolabus formano una panchina.

    Everything here contributes to the industrial look of the house: in the living room sofa is made for the couple and it is surrounded by a table made from reclaimed wood, furniture coming from military barracks and chandeliers of the dentist.

    In front of the shoes-cabinet, two armchairs coming from a school-bus form a bench.

    E il bagno? Anche lì non manca la creatività: il lavandino è di recupero e arriva da un ospedale e il mobiletto a fianco era usato nei campi militari.

    Con tante idee e tanta fantasia questa giovane coppia si è “cucita” una casa addosso che di sicuro rimarrà nei nostri ricordi.

    And the bathroom? There too, it does not lack creativity: the sink is recycled and comes from a hospital and the cabinet at side was used in military camps.

    With so many ideas and a lot of imagination this young couple has “sewn” a house and that for sure will remain in our memories.

  • Andiamo a vivere in una scuola ? – Do we go to live in a school ?


    Siamo a Londra in una vecchia scuola Vittoriana da ristrutturare completamente: cosa pensereste di poterci ricreare dentro?

    Un negozio? Un centro ricreativo?

    Ma no: ovviamente una casa per una giovane coppia in attesa del loro primo figlio.

    We are in London in an old Victorian school to be fully restored: what would you think to recreate in?

    A store? A recreation center?

    But no: of course a home for a young couple expecting their first child.

    Molti i problemi da risolvere in una struttura come questa: alti soffitti, un mezzanino, due grandi spazi giorno uniti con una cucina microscopica e due camere da letto affacciate sul soppalco ed esposte a tutti i rumori.

    Gli architetti dello studio Avocado Sweets hanno creato una grande e spaziosa cucina con una zona pranzo, hanno aggiunto una camera da letto e chiuso lo spazio superiore con delle persiane per dare privacy e riservatezza alle camere.

    Many problems to be solved in a structure like this: high ceilings, a mezzanine, two large living spaces linked together with a microscopic kitchen and two bedrooms overlooking the mezzanine and exposed to all the noises.

    Architects from Avocado Sweets have created a large and spacious kitchen with a dining area, they added a bedroom and closed the upper space with shutters to give privacy and confidentiality to the rooms.

    Le richieste erano molto particolari: creare una casa ben isolata acusticamente, perché il proprietario suona il piano; ospitare degnamente gli oggetti vintage da collezione della coppia e creare una casa accogliente per le cene organizzate dalla famiglia.

    Ecco che in cucina l’isola viene creata con una vecchia cassa dei proprietari, un vecchio grammofono ispira i colori di tutta casa e delle radio vintage diventano delle opere d’arte a parete con base una carta da parati molto ’70.

    The requirements were very specific: to create a well sound insulated home, because the owner plays the piano; worthily accommodate vintage objects from the couple collection and create a welcoming home for dinners organized by the family.

    So here is that in the kitchen an island unit is created with an old case of the owners, an old gramophone inspires colors of the whole house and vintage radios become the art work on the wall with as base a wallpaper very 70s.

    Nel soggiorno le tende sono in 3 colori e affiancano le finestre alte più di 3 metri: sfiorano il pavimento e ci aiutano a dare l’impressione che i soffitti siano meno alti; 12 lampade a bulbo a basso consumo sono state installate nella zona giorno, sono regolabili in altezza ed è stato possibile dividerle in diversi circuiti così da creare diversi livelli di illuminazione.

    L’ingresso ha una parete tappezzata con vecchie pagine di giornali risalenti alla seconda guerra, sempre parte della collezione dei padroni di casa.

    In the living room curtains are in 3 colors and flanked by windows tall more than 3 meters: they skim the floor and help us give the impression that the ceilings are not so high; 12 low-energy light bulbs have been installed in the living area, adjustables in height and it was possible to divide them into different circuits so as to create different levels of illumination.

    The entrance has a wall papered wall with pages from old newspapers dating back to the second world War, always part of the owners collection .

    Adoro tutto di questa casa: gli oggetti recuperati, i colori, lo stile, il senso di casa che si respira.

    Penso che potrei proprio trasferirmici 🙂

    I love everything about this house: the recovered objects, colors, the style, the sense of home that you breathe.

    I think I might just move in 🙂

    http://www.avocadosweets.com/

  • Nuova vita per una vecchia casa – A new life for an old house


    Pensavate forse che mi fossi persa per strada??

    Assolutamente no, lunedì ho saltato perché sono andata al concerto di Nina Zilli e che dire… ne è valsa assolutamente la pena.

    Ma bando alle ciance: oggi è il giorno in cui vi faccio sognare e vi porto un po’ in giro per il globo.

    La tappa di oggi è Taipei, Taiwan: gli architetti Shin-Jie Chen e Ting-Lang Chen dello studio Ganna Design hanno ristrutturato completamente una vecchia casa di famiglia, per adattarla alle nuove esigenze.

    Did you think that maybe I had lost on the way ??

    Absolutely not, Monday I skipped because I went to Nina Zilli concert  and what to say … it was absolutely worth it.

    But no more talk: today is the day that I’ll make you dream and I carry you a little around the globe.

    Today’s stage is Taipei, Taiwan: architects Shin-Jie and Chen Ting-Lang Chen from Ganna Design study have completely restored an old family home, to adapt it to the new needs.

    Stiamo parlando di un appartamento all’11° piano, di ben 192 m² distribuiti su 2 piani.

    Direi che non manca proprio nulla 🙂

    La figlia ormai cresciuta e madre di famiglia vuole dare nuova vita alla sua casa del cuore, dove è cresciuta: ecco allora che il piano terra è dedicato alle aree comuni mentre il primo piano è dedicato alla sfera privata.

    We are talking about an apartment on the 11th floor, 192 m² well distributed over 2 floors.

    I would say that nothing is missing 🙂

    The now grown daughter and mother wants to give new life to his heart house, where she grew up: so that the ground floor is dedicated to public areas while the first floor is dedicated to the private sphere.

    Entrando il primo contrasto si vede subito: parquet in legno scuro e pareti bianche.

    Una cucina grande e aperta sul soggiorno, per far sentire amici e ospiti a loro agio in questo ambiente arioso e giovane.

    Il tocco di colore è dato dalle sedie rigorosamente una diversa dall’altra e in colori diversi ma dello stesso tono.

    Davanti al grande tavolo troviamo divani e poltrone morbidi, formati da cuscini e materassi proprio per non dare troppo rigore a tutto.

    Entering the house, the first contrast it really shows: dark wood floors and white walls.

    A large kitchen open to living room, to make feel friends and guests at home in this airy and young home.

    The color splash is provided by the chairs strictly individually and in different colors but of the same tone. In front of the large table we find soft sofas and armchairs, made up of pillows and mattresses in order not to do too much penalty at all.

    Saliamo le scale e ci troviamo di fronte ad una bellissima finestra, che si ispira ai vetri cattedrale delle chiese: in diversi colori, riflettono la luce in mille modi diversi.

    Delle tonalità usate al piano terra (dal rosso al rosa) ne ritroviamo due: il viola per la camera matrimoniale e il rosa per la cameretta.

    We climb the stairs and we are faced with a beautiful window, which is inspired by the cathedral windows of the churches: in different colors reflect light in a thousand different ways.

    From the tones used on the ground floor (from red to pink) we will find two: purple for the master bedroom and pink for the bedroom.

    Quale modo migliore per non separarsi dai ricordi di una vita e nello stesso tempo crearne di nuovi?

    What better way to not separate himself from the memories of a lifetime and at the same time create new ones?

    http://ganna-design.com/

  • Un intero universo in una casa sola – An entire universe in just one home


    Dopo aver cominciato la settimana a suon di note e spartiti, ritorniamo in carreggiata e sogniamo un po’ con alcune delle case più belle che ci sono in giro per il mondo.

    Oggi siamo a San Pietroburgo, con gli architetti e interior designer dello studio I AM HOME.

    166 m2 e una coppia che lavora da casa: questi i punti di partenza, che ci portano in una bellissima casa cucita addosso ai padroni.

    After starting the week to the sound of notes and sheet music, back on track and we dream a bit with some of the most beautiful houses that are around the world.

    Today we are in St. Petersburg, with architects and interior designers of the study I AM HOME.

    166 m2 and a couple working from home: these are the starting points, which lead us into a beautiful home sewn on to the owners.

    Plan - pianta

    Già entrando in casa abbiamo la sensazione di trovarci in un nido intimo, in un luogo dove si può fare quello che si vuole.

    Una chaise longue, un grande armadio della Poliform e una parete un po’ grunge: siamo a casa.

    Si continua col soggiorno e con la poltrona un po’ cocoon che potrebbe risollevare il morale a quasi tutti 😉

    Already when entering the house we have the feeling of being in a cozy nest, in a place where you can do what you want.

    A chaise longue, a large Poliform  wardrobe and a grunge wall: we are at home.

    It continues with the living room and with the chair a little cocoon that could raise humor in almost all 😉

    Anche la cucina è un gioeillino: niente arredamento tutto da un fornitore, vari pezzi che si ispirano a stili e materiali diversi ma che mixati con talento creano uno stile nuovo tutto a se stante.

    Ecco che troviamo le piastrelle cementine sotto la parte operativa, la pittura lavagna per non dimenticarsi nulla e un grande tavolo in massello.

    Poteva mai mancare il frigo della Smeg??

    The kitchen is also a jewell: no furnishing from a unique supplier, various pieces that are inspired by different styles and materials but mixed with talent to create a new style all its own.

    Here we find the cementine tiles under the operational part, painting blackboard wall for not forgetting anything and a large table in solid wood.

    Could ever miss the Smeg fridge ??

    Come vedete dalle foto e dalla pianta c’è una camera sola, tra l’altro con una mega cabina armadio (penso che la mia roba ci potrebbe stare, ma non sono sicura 😉 ).

    Sono scelte più o meno discutibili, diciamo che i padroni hanno privilegiato uno studio con i fiocchi scaldato da un elegante camino e la stanza per lo yoga.

    Quello che mi piace dei progetti di questo studio è l’uso di materiali con diverse texture (ripreso dal mondo della moda) e l’uso dell’arte.

    As you can see from the pictures and from the plan there is a single room, among other things with a huge walk-in closet (I think my stuff there might fit, but I’m not sure 😉 ).

    Choices are more or less questionable, let’s say that the owners have favored a study  heated by an elegant fireplace and a room for yoga.

    What I like of the projects of this study is the use of materials with different textures (taken from fashion world) and the use of art.

    Guardate il murales fatto in camera sopra i pannelli di legno, oppure le svariate carte da parati disseminate per la casa.

    Ovviamente ogni pezzo è scelto con un senso e si trova in un preciso luogo per dare un messaggio.

    Look at the mural made in the bedroom on the wood panelings or the various wallpapers scattered around the house.

    Obviously each piece is chosen with a sense and is located in a precise place to give a message.

    E per finire la chicca: è o non è stupendo il bagno? Una piccola spa.

    Ma con una casa così chi esce più??

    Meno male che non è il nostro caso 😉

    And to finish the gem: is or is not beautiful the bathroom? A small spa.

    But with a house like this who comes out more ??

    Lucky us, it is not our case 😉

    http://www.iamhome.ru/portfolio/34-kvartira.html

  • 160 m2 di eleganza e stile industriale – 160 sqm of elegance and industrial style


    Oggi vi voglio sorprendere e infatti invece di parlare di micro-case, oggi vi parlo di una signora casa: ben 160 m2.

    Si perché appena vedrete le foto capirete la mia scelta: un’appartamento che strizza l’occhio al mondo del fashion, giovane e dallo stile un po’ industriale.

    Il progetto è a cura degli architetti dello studio I AM HOME di Natasha Janson e Dmitry Kirsanov e si trova in Russia.

    Today I want to surprise and in fact instead of talking about micro-houses, today I speak of a lady house: 160 m2.

    You’ll understand my choice when you’ll see the photos : an apartment that gives a nod to the world of fashion, young and a bit industrial-style.

    The project is by the architects of the study I AM HOME of Natasha Janson and Dmitry Kirsanov and it is located in Russia.

    Già l’ingresso definisce il carattere e lo stile della casa: una poltrona morbida imbottita, qualche pezzo d’arredo e la scritta: “Be in the now” che significa vivi il presente, con questi caratteri che rimandano ai graffiti e alle scritte calligrafiche.

    Da qui passiamo al soggiorno-cucina: divani bassi nei toni del grigio, che danno un’aria rilassata e sono sovrastati dal bellissimo lampadario Nemo Nuvola.

    In cucina quello che colpisce l’attenzione sono le piastrelle a muro (CoreDeco) e le sedie blu acqua, che si contendono l’attenzione col bellissimo lampadario, di una giovane azienda portoghese, Delightfull.

    Hall already defines the character and style of the house: a soft padded chair, a few pieces of furniture and the words: “Be in the now”, with this font that refer to graffiti and calligraphic written.

    From here we move to the living room-kitchen: low sofas in shades of gray, which give a relaxed feel and are topped by beautiful chandelier Nemo Nuvola.

    In the kitchen, what strikes the attention are the tiles (CoreDeco) and the blue water chairs, which vie for attention with the beautiful chandelier, by a young Portuguese company, Delightfull.

    Questo blu accesso lo ritroviamo a spruzzi qui e la per tutta la casa: in un tappeto, in un cuscino, in un quadro.

    I mobili e i complementi morbidi sono un altro elemento caratterizzante: danno subito un senso di accoglienza e calore, senza essere formali.

    Le camere da letto sono ben 3: una appena dietro il soggiorno, che fa capolino dalle porte a vetro; una soppalcata, una adibita anche a studio.

    We find this bright blue in splashes here and all over the house: in a rug, in a pillow, in a framework.

    Soft furniture are another distinguishing feature: they give that sense of welcome and warmth, without being formal.

    The bedrooms are 3: one just behind the living room, peeping out from the glass doors; a loft, one also used as a study.

    I dettagli sono quelli che contano: guardate che bello il murales dipinto sopra i mattoni a vista e il cemento grezzo che da il tocco industriale che tiene insieme tutto lo stile della casa.

    Anche i quadri con foto di moda sparsi per la casa danno un tono elegante e sofisticato, che è contrastato dagli elementi di arredo.

    The details are the ones that count: look how beautiful the murals painted on the brick and cement that crude from the industrial touch that holds together all the style of the house.

    Even the paintings with fashion photos scattered around the house give an elegant and sophisticated tone, which is contrasted by the elements of furniture.

    http://www.iamhome.ru/


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: