Come appendere i quadri sopra il divano. La guida completa


Come appendere i quadri sopra il divano: così semplice e così complesso. Ti racconto qualche trucco che uso nei miei progetti, per sapere da dove cominciare.


Cosa ci metto sopra il divano? 

Panico. Testa vuota nonostante le millemila foto ispirazione viste su Pinterest (si, ti vedo e so cosa fai). 

Quel vuoto sopra il divano ti lascia un po’ spiazzata, perché sai che manca qualcosa, è proprio una sensazione fortissima che hai. Ma non sai quale soluzione vada meglio. E poi: quanti oggetti ci metto? Di che dimensione? 

Insomma, le domande sono tante per un qualcosa di così frivolo all’apparenza. Nulla di quello che riguarda casa tua è frivolo, perché tu stai arredando casa per esprimerti e per creare un luogo accogliente e che non giudica, nel quale tornare ogni giorno. E questa pandemia ci ha sicuramente insegnato il valore di casa nostra, molto spesso così inadatta a chi siamo davvero. 

Voglio raccontarti un po’ di trucchi e idee che uso anche io nei miei progetti, per aiutarti in questa ansiosa questione.

Come appendere quadri sopra il divano: da cosa partire 

Sicuramente la scelta che va per la maggiore è quella di appendere quadri sopra il divano. Vuoi perché è l’azione che ci viene in mente subito, ancora prima di aver razionalizzato il pensiero. Vuoi perché ormai in ogni casa li si vede. 

Appendere dei quadri ti permette comunque di poterti esprimere, vedendo ogni giorno dipinti, frasi o foto che per te significano qualcosa. Foto di luoghi che hai visitato, frasi importanti che per te sono dei mantra, quadri che ami particolarmente. 

Quindi prima di partire con l’azione, il primo passo importante da fare è capire l’argomento dei quadri che vorrai appendere. Che stile hai? Di cosa vuoi avere ricordo continuo intorno a te, a casa tua? 

Una parete galleria a tema natura? Viaggi? Aforismi? Pensaci e comincia a raccogliere idee e soggetti che ti piacciono. 

L’altro punto importante è partire dalle dimensioni della tua parete e del tuo divano. Quello che vogliamo evitare è di avere un quadro micro che vaga disperso sopra al divano, oppure un quadro troppo grande rispetto al divano. 

Il / i quadri dovrebbero occupare i due terzi della larghezza del divano, quindi se è lungo 200 cm, circa 130 cm del totale. Qui puoi decidere di avere un solo grande quadro, se si tratta ad esempio di una tela d’arte contemporanea o moderna, con un soggetto che merita di spiccare da solo nello spazio. 

In altezza lascia 15/20 cm sopra al divano e dal soffitto, per non andare troppo sotto o sopra, ed avere una composizione centrata nello spazio e sopra al divano. 

A che altezza appendere questi quadri però? 

Trovo molto utile la regola della linea mediana, che permette di equilibrare le composizioni in base alla effettiva altezza della casa in cui siamo. In cosa consiste? 

Faccio un esempio pratico: il tuo soggiorno è alto 270 cm. Diviamo questa misura in 8 e otteniamo 34 cm. I quadri andranno appesi a 5/8 dal pavimento, quindi a circa 170 cm. Ma quale parte del quadro? I 3/8 del quadro sopra questa dimensione, il resto ovviamente sotto. Quindi se il tuo quadro (o gruppo di quadri) è alto 100 cm, vuol dire che 38 cm dello stesso dovranno stare sopra i 170 cm. 

Fai delle prove e vedrai che diventerà tutto più chiaro. 

Ti potrebbe interessare: 
- Arredamento e arte. La guida pratica per valorizzare i tuoi acquisti
- Arredare casa con i quadri stampabili gratis online: dove trovarli
- Arredamento anni ’70 ’80: un tuffo nel passato per idee contemporanee

Pareti galleria: esempi di composizioni a cui ispirarti 

Ok, le informazioni di base ci sono. Sai a che altezza vanno appesi i quadri, hai un’idea del soggetto della tua galleria e stai cominciano a selezionare quadri e foto che ti piacciono. 

In che modo li combini insieme questi quadri? 

Il numero di quadri che appenderai è soggettivo, puoi metterne 2 grandi così come 10 medio – piccoli. Partiamo dall’esempio di prima: sai che in larghezza hai 130 cm, in altezza invece circa 150 cm. Quindi potresti avere due quadri da 90/100 x 60 cm così come vari quadri da 20×30 cm, 40×50 cm e 13×18 oppure aggiungerne uno da 60×90. 

Tra i quadri mi piace lasciare circa 5 cm, che non è troppo poco e neanche troppo da fare sembrare che tutto sia lì a caso. 

A questo punto puoi sbizzarrirti con i tipi di composizioni: puoi inserire i quadri all’interno di una figura immaginaria con un quadrato o un rettangolo, puoi allinearli tutti ai loro profili superiori o inferiori o distribuirli sotto e sopra un asse centrale. 

Io trovo molto soddisfacenti (per l’occhio) le composizioni asimmetriche, cioè dove i quadri non sono allineati sotto o sopra o al centro, ma si distribuiscono in modo casuale all’interno di un perimetro. 

Ti lascio alcuni delle composizioni che ho realizzato per dei clienti in questi mesi, vedrai che ci sono diversi tipi di allineamenti e temi.

Non solo quadri: altre idee per occupare lo spazio sopra al divano

Non di soli quadri si vive però: se l’idea di foto e poster non ti fa impazzire, nessun problema. Ci sono molte altre idee e il solo limite è la tua fantasia. Potresti fare una composizione di specchi vintage, di differenti forme, dimensioni e stili. Oppure un solo grande specchio che ti aiuterà a riflettere luce e spazio, ampliando il tuo soggiorno.

Oppure ancora: sottopiatti e cesti in rattan e vimini, se il tuo stile è boho-chic ed eclettico. Hai tanti libri e piante? Potresti mettere una o due mensole con fissaggio invisibile, sul quale riporre, libri, oggetti decorativi e piante. 

C’è anche l’alternativa di decori geometrici o astratti fatti con la lavabile, che ti aiuteranno a creare un punto d’impatto nel tuo spazio, senza doverlo per forza riempire con oggetti di vario tipo. 

Come appendere i quadri sopra il divano: i miei siti di poster preferiti per te 

Prima di chiudere questo lungo post e lasciarti ai tuoi progetti, voglio farti conoscere dei siti di poster e quadri online che mi piacciono molto e che uso quasi sempre per consulenze e progetti. 

A parte i già conosciutissimi Desenio e Poster Store, ce ne sono altri che hanno stampe ricercate e una selezione di opere speciale. Il primo è Kapo Quadri, con una splendida selezione di opere di artisti più o meno conosciuti e delle rielaborazioni di grandi classici in formato pop. Se sei amante dell’arte moderna e contemporanea, questo è il tuo sito. 

Ci sono poi Bimago e Poster Lounge, con una possibiltà infinita di formati dei poster così come delle cornici. Inoltre, puoi fare ricerca per temi, colori, artisti. Insomma, davvero la possibilità di personalizzare la tua parete gallery al massimo. 

E ora a te: spero che con tutte queste informazioni le idee siano più chiare e tu sia pronta a mettere le basi della tua fantastica composizione. Se invece hai ancora dubbi e non sai da dove partire contattami: ti aiuterò in tutto il percorso. 

Lascia un Commento